MAKE IT GREEN – Prima Edizione

11 giovani volontari da tutto il mondo per bonificare la Costiera amalfitana

Sono arrivati dalla Francia, Germania, Spagna, Hong Kong, Giappone, Russia, Ucraina, Bielorussia, Turchia, Polonia e Ungheria, i 15 giovani ambientalisti che per due settimane hanno prestato lavoro volontario, sei ore al giorno, nel campo internazionaleMake it Greenorganizzato in Costiera amalfitana dall’associazione ACARBIO in collaborazione con YAP Italia.

I volontari, dal 20 agosto al 2 settembre 2014, hanno operato fra le vallate di Tramonti. Si tratta infatti di un ecosistema la cui posizione e ampiezza territoriale, lo espongono a problemi di “vandalismo ambientale”, ai quali l’amministrazione comunale non riesce a far fronte con le proprie risorse economiche.

Il programma “Make it Green” è inserito in Youth Action for Peace Italia (membro dei network di volontariato internazionali CCIVS-Unesco e Alliance of European Voluntary Service Organizations).

Il Comune ha messo a disposizione il plesso scolastico della frazione Polvica, dove sono stati ospitati i volontari che hanno dormito con il sacco a pelo. Le casse municipali hanno inoltre offerto un contributo di 1.000 euro per le forniture alimentari alla mensa scolastica dove i 15 giovani volontari preparavano quotidianamente i pasti.

“Make it Green” è stata un’opportunità di sensibilizzare verso gli abitanti e le associazioni presenti sul territorio che, per tutta la durata del programma, sono state coinvolte in diverse occasioni di socializzazione con i volontari, che avevano messo a disposizione la loro esperienze fatte in altre parti del mondo.

Ilcampo di lavoro estivoorganizzato da ACARBIO è infatti nato con lo scopo di favorire scambi e occasioni diincontri interculturalidove alla base c’è la difesa dell’ambiente e la sua valorizzazione. Un nuovo modello di approccio al territorio, dichiarato Patrimonio dell’Umanità, che viene finalmente visto come luogo da proteggere e palestra di formazione per le nuove generazioni attente alle tematiche ambientali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *